Questo sito utilizza i cookies per agevolare e migliorare la navigazione. Non vengono registrati dati sensibili e personali del visitatore

ENPAP / FISCO
anna

100 mila subito o 5000 euro l’anno? Le chiacchiere da ombrellone di ENPAP

Screenshot 2017 07 22 18.16.10All’interno della campagna estiva lanciata per ricordare ai colleghi di versare l’acconto 2017, ENPAP ha avuto la bella pensata di lanciare un sondaggio, sul profilo ufficiale FB , che ha ricevuto subito gli sberleffi degli iscritti. La domanda è se sia meglio ritirare 100.000 euro nel momento del pensionamento oppure ricevere 5000 euro l’anno “garantiti a vita” per i 20 anni di aspettativa di vita residua, pari a 416 € mensili.

Uno psicologo indignato dice: “Siamo PSI, non stupidi.... “ però tra i 168 colleghi che rispondono ben un terzo sceglierebbe 5000 euro l’anno. Forse qualcuno ha risposto senza ragionare, così come si fa coi test sotto l’ombrellone, però il risultato certamente conferma ancora una volta le sofisticate capacità di manipolazione mediatica che il gruppo Altrapsicologia continua a dimostrare con l’uso spregiudicato dei social: nessun politico si era mai spinto così in là da ambire di far ingoiare un rospo simile ai contribuenti!

“Un bel progetto sulla carta” così Zanon definisce la riforma Dini, che ha messo le basi per la riforma pensionistica Fornero e che precipiterà nei prossimi anni milioni di italiani (compresi gli psicologi) nella miseria più nera. E forse si aspettava pure dei like che nemmeno i suoi caporali hanno osato mettere.

Le cifre sono ipotetiche, precisa, la pensione che prenderemo dipende da quanto versiamo nella nostra carriera... Eppure sa bene che 400 € mensili sarà (forse..) l'ammontare pensionistico di chi ha iniziato a versare in ENPAP da subito, la generazione che ha aperto la partita IVA dopo il 1996, perché per gli altri l'assegno è decisamente più basso.

Propongo un altro sondaggio: quali processi mentali guidano gli amministratori ENPAP?

imagesPerché invece di informare i colleghi sulle trattative tra Casse e Stato che riguardano il cumulo dei contributi, invece di occuparsi dei problemi dei colleghi pensionati a 90 € mensili, il Gatto e la Volpe si impegnano cercando di raggranellare altri denari da investire nelle miracolose SGR Lussemburghesi?

A proposito avete visto arrivare sui vostri montanti le rivalutazioni promesse (il famoso 3% annuo)? Io no.

 

E’ ora di fare una bella doccia …di realtà.
Zanon e Torricelli potrebbero insegnarci come può fare lo psicologo medio, che incassa 1000 euro mensili, a versare di più ad ENPAP mentre paga affitto o mutuo, bollette e mantiene la famiglia, questo sì sarebbe un gran bel servizio agli psicologi.

Anna Sozzi

22-7-2017